Home
16 | 07 | 2019
Fibrosi: è in aumento il numero dei casi PDF Stampa E-mail
Scritto da Fabrizio Di Meo   
Mercoledì 01 Agosto 2007 11:25

Prefazione AIMIP:
la fibrosi polmonare è in aumento, specialmente tra le donne.
Uno studio condotto dal Dr. Amy Olson dell'Università del Colorado (USA)  ha rilevato un aumento del tasso di mortalità,  tra il 1992 e il 2003, per la fibrosi polmonare.
In questo studio il Dr. Amy Olson evidenzia che la fibrosi polmonare non è più da considerarsi rara in quanto presenta un tasso di mortalità superiore a quello del [[cancro]] alla vescica e del [[mieloma]].
Fonte: Respiratory and Critical Care Medicine (American Thoracic Society 1-aug-2007)

 
Actimmune: studio interrotto PDF Stampa E-mail
Scritto da Fabrizio Di Meo   
Lunedì 05 Marzo 2007 05:00

Actimmune: interrotto lo studio INSPIRE per un aumento della [[mortalità]]

Fonte FDA

 

Lo studio INSPIRE, che stava valutando l’Interferone gamma-1b ( Actimmune ), è stato interrotto perché un’analisi ad interim ha mostrato che i pazienti con fibrosi polmonare idiopatica non hanno tratto beneficio dal farmaco. Lo studio INSPIRE stava confrontando la sopravivenza nei pazienti trattati con Actimmune e con placebo. Un’analisi ha mostrato che il 14.5% dei pazienti trattati con Actimmune è morto, contro il 12.7% dei pazienti che hanno ricevuto il placebo. Actimmune è una versione sintetica dell’Interferone gamma-1b. L’FDA ha approvato Actimmune per ridurre il numero e la gravità delle infezioni nei pazienti con malattia granulomatosa cronica e per ritardare la progressione dell’osteoporosi maligna grave. La fibrosi polmonare idiopatica è una malattia polmonare progressiva, cronica di causa sconosciuta. Non ci sono farmaci che abbiano dimostrato di essere efficaci nel trattare la fibrosi polmonare idiopatica. Frequentemente i pazienti muoiono per insufficienza respiratoria. ( Xagena )

 

Ultimo aggiornamento Sabato 03 Ottobre 2009 01:18
 
« InizioPrec.61Succ.Fine »

Pagina 61 di 61
In evidenza