Home Esami Saturimetro
16 | 09 | 2019
Saturimetro PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 19
ScarsoOttimo 
Fibrosi Polmonare
Scritto da Fabrizio Di Meo   
Domenica 05 Ottobre 2008 18:40

Cosa è il saturimetro e come funziona, una breve guida esplicativa.

Il saturimetro o pulsiossimetro è un dispositivo sanitario che effettua una misura indiretta della quantità di ossigeno presente nel sangue del paziente e viene utilizzata in sostituzione della emogasanalisi essendo meno intrusiva di quest'ultima.
Solitamente, insieme alla misura indiretta dell'ossigeno, viene misurato anche il battito cardiaco (pulsazioni al minuto).
La lettura dello strumento fornisce la percentuale di emoglobina arteriosa nella configurazione di ossiemoglobina.
Letture che cadono nell'intervallo 95%-100% sono da considerarsi normali.

Come è fatto un saturimetro e come funziona?

Il saturimetro è composto da una coppia di diodi led (uno rosso con emissione a lunghezza d'onda di 660nm ed uno infrarosso con emissione a 905nm-940nm) contrapposti ad un [[fotodiodo]].
Tra la coppia di diodi led ed il fotodiodo viene posta la falange distale di un dito del paziente. L'assorbimento della luce rossa ed infrarossa è notevolmente diversa tra ossiemoglobina e la sua forma deossigenata e questo consente di calcolare il rapporto tra la quantità di emissione rossa / quantità di emissione infrarossa che colpisce il fotodiodo e quindi, in ultima istanza, il rapporto tra l'ossiemoglobina/deossiemoglobina.
Il saturimetro è fondamentale in sala operatoria come pure alle persone in ossigeno terapia per monitorare costantemente la quantità di emoglobina ossigenata (ossiemoglobina) presente nel circolo arterioso.
 

Ultimo aggiornamento Martedì 06 Luglio 2010 14:39